consulenza-finanziariaLa Divisione Corporate di Alberti&Partners assiste le imprese per tutte le problematiche connesse agli aspetti finanziari della gestione.

Attraverso l’analisi ed il monitoraggio del Rating di Basilea e in particolare della Centrale Rischi, Alberti&Partners può facilitare l’accesso al credito all’impresa e far ottenere finanziamenti a tassi adeguati all’effettivo merito creditizio dell’azienda stessa.

L’imprenditore è affiancato attivamente nei rapporti con gli istituti di credito e la consulenza ha l’obiettivo di verificare l’impatto delle scelte imprenditoriali future sugli equilibri economico-finanziari e patrimoniali, assistendo l’imprenditore nella corretta gestione finanziaria aziendale.

Alberti&Partners offre alle imprese servizi di consulenza finanziaria che permettono un notevole risparmio di costi ed una maggiore efficienza del rapporto banca-impresa:

  • Gestione dei rapporti con gli Istituti di Credito
  • Miglioramento e controllo e delle condizioni bancarie
  • Valutazione del rating aziendale assegnato dalle banche
  • Supporto per problematiche connesse a garanzie, fidejussioni e centrale rischi
  • Analisi e ottimizzazione dell’allocazione del patrimonio finanziario aziendale
  • Analisi Fondi Pensione e supporto nella gestione delle tematiche previdenziali dei dipendenti
  • Perizie tecniche sui conti correnti (usura, anatocismo, CMS), leasing e derivati

ANALISI SUI CONTI CORRENTI

Alberti&Partners offre la possibilità di effettuare l’analisi di tutte le posizioni bancarie, in particolare sui conti correnti, sui conti anticipi, SBF ed altre forme di finanziamento a breve.

Tale analisi permette all’impresa di verificare eventuali elementi contestabili alla banca, tra i quali:

  • Interessi usurari, attraverso il calcolo del TEG (Tasso Effettivo Globale) secondo quanto previsto dalla Legge 108/1996 (Disposizioni in materia di usura).
  • Interessi ultra-legali, interessi richiesti dalla banca al correntista a tasso superiore a quello legale pro-tempore vigente. Ai sensi dell’art. 1284, 3° comma cod. civ. “gli interessi superiori alla misura legale devono essere determinati per iscritto, altrimenti sono dovuti nella misura legale”.
  • Commissioni di massimo scoperto (CMS), secondo una consolidata Giurisprudenza della Cassazione può esserne richiesto il rimborso alla banca (concorrono al calcolo del TEG ai fini dell’usura).
  • Anatocismo (applicazione di interessi sugli interessi già previsti). L’anatocismo crea un ingiustificato costo per il cliente che può essere contestato con successo, in base ad una consolidata Giurisprudenza della Cassazione.
  • Divergenze tra date valuta e date operazione all’interno degli estratti conto. Tale divergenza crea un ingiustificato aggravio di costi che, qualora provato da una perizia, può essere contestato alla banca.

ANALISI CONTRATTI DERIVATI

  • Analisi dei Payoff: descrizione della struttura finanziaria e determinazione del fine speculativo o di copertura del rischio di ciascun contratto.
  • Analisi di Bilancio: verifica della reale necessità di copertura da parte dell’azienda attraverso l’analisi della struttura dell’indebitamento.
  • Pricing: unbuilding della struttura e calcolo dei costi occulti in fase di sottoscrizione/estinzione anticipata di ciascun derivato.
  • Perdita Complessiva: quantificazione della perdita complessiva sostenuta dall’azienda relativa a tutti i derivati sottoscritti (flussi periodici, Upfront e Mark to Market) e conteggio del danno derivante dalla mancata reale copertura contro i rischi finanziari.